Emergenza COVID-19: aggiornamenti

DECRETO-LEGGE 19 maggio 2020, n. 34 

Dpcm 17 maggio 2020

  • Testo del Dpcm 17 maggio 2020 in vigore da lunedì 18 maggio
    Disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, recante misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19, e del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, recante ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19

    Tra gli allegati:
    Allegato 11: Misure per gli esercizi commerciali
    Allegato 12: Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro fra il Governo e le parti sociali
    Allegato 13: Protocollo condiviso di regolamentazione per il contenimento della diffusione del COVID-19 nei cantieri
    Allegato 14: Protocollo condiviso di regolamentazione per il contenimento della diffusione del COVID-19 nel settore del trasporto e della logistica
    Allegato 16: Misure igienico-sanitarie
    Allegato 17Linee guida per la riapertura delle attività economiche e produttive della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome del 16 maggio 2020
     

Decreto n. 63 della Regione Piemonte

Decreto n. 58 della Regione Piemonte

In Piemonte da lunedì 18 maggio possono riaprire:

  • tutti i negozi al dettaglio, saloni per parrucchieri, centri estetici, studi di tatuaggio e piercing e tutti i servizi per gli animali (oltre alle toelettature già attive, dog sitter, pensioni e addestramento); i Comuni potranno consentire orari di apertura più elastici ed estensivi per favorire la massima operatività delle attività commerciali e dei servizi alla persona;
     
  • musei, archivi e biblioteche
     
  • altre strutture ricettive ancora chiuse. 

Sono inoltre consentiti:

- gli sport all’aria aperta in forma individuale rispettando la distanza minima di due metri (ad esempio: atletica, ciclismo, corsa, golf, tiro con l’arco, tiro a segno, equitazione, tennis, vela, attività acquatiche individuali, canottaggio, escursionismo, arrampicata libera, sci alpinismo, motociclismo, automobilismo, attività cinofila) e l’uso dei rispettivi impianti, centri e siti sportivi purché nel rispetto delle disposizioni di sicurezza (vietato in particolare l’utilizzo di palestre, luoghi di socializzazione, docce e spogliatoi fatto salvo per i locali di passaggio e i servizi igienici, per i quali i gestori dovranno garantire la corretta e costante sanificazione e igienizzazione, oltre ad assicurare il contingentamento degli ingressi, l’organizzazione di percorsi idonei e l’adozione di misure per garantire il distanziamento sociale ed evitare assembramenti, come ad esempio la prenotazione degli spazi e le turnazioni;.

- le lezioni con l’istruttore, che in assenza della distanza di sicurezza avrà l’obbligo di uso della mascherina e di guanti monouso dove l’attività prevede il contatto con l’allievo;

- l’attivazione di nuovi cantieri di lavoro e la riattivazione di quelli eventualmente sospesi, oltre alla riattivazione dei tirocini extra-curriculari in presenza, purché nel rispetto delle disposizioni di sicurezza e prevedendo lo smart working dove non possibile garantire il distanziamento.

Da mercoledì 20 maggio:

  • ritorno nei mercati dei banchi extralimentari (per consentire i tempi di adeguamento alle nuove linee guida per la sicurezza e permettere ai Comuni di tracciare i nuovi spazi sulle aree mercatali).

Da sabato 23 maggio:

  • bar, ristoranti, trattorie, pizzerie, self-service, pub, pasticcerie, gelaterie, rosticcerie e delle altre attività di somministrazione alimenti (resta sempre consentito il servizio di asporto con orario esteso dalle 6 alle 22, la prenotazione da remoto diventa preferibile ma non più obbligatoria).

Per garantire la sicurezza e il contenimento del contagio da Covid-19, la riapertura di tutte le attività dovrà avvenire nel rispetto di quanto previsto dalle Linee di indirizzo per la riapertura delle attività economiche e produttive approvate dal Governo in accordo con la Conferenza delle Regioni e allegate all’ordinanza.


La Camera di commercio di Cuneo ha attivato un'apposita sezione del sito per aggiornare tempestivamente tutti gli utenti sulle misure organizzative dell'ente per l'emergenza Coronavirus, sulle azioni a sostegno delle imprese, sugli approfondimenti normativi.

Data articolo: 
Mercoledì, 20 Maggio, 2020 - 21:45
Ultima modifica: 25/05/2020 - 11:05

    
 
Sponsor della Cciaa di Cuneo: