Manutenzione del verde pubblico e privato


L’art. 12 della legge 28 luglio 2016, n. 154 disciplina l’esercizio dell’attività di costruzione, sistemazione e manutenzione del verde pubblico o privato prevedendo che possa essere esercitata:

  • dagli iscritti al Registro ufficiale dei produttori, di cui all'articolo 20, comma 1, lettere a) e c), del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 214;
     
  • da imprese agricole, artigiane, industriali o in forma cooperativa, iscritte al registro delle imprese, che abbiano conseguito un attestato di idoneità che accerti il possesso di adeguate competenze.

In data 22 febbraio 2018 la Conferenza permanenente per i rapporti tra lo stato, le regioni e le provincie autonome di Trento e Bolzano ha siglato l'accordo relativo allo Standard professionale e formativo di manutentore del verde (1 MB)


Sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte del 9 maggio 2019  è stata pubblicata la DGR 12 aprile 2019, n. 39-8764 "Acquisizione dello standard formativo di cui all'accordo sancito il 22 febbraio 2018 in sede di Conferenza Stato, Regioni e Province autonome per l'attivita' di Manutentore del verde ai sensi dell'art. 12 della Legge 154/2016. Disciplina regionale dei profili formativi per l'esercizio dell'attivita' di manutenzione del verde"

Le imprese che sono state iscritte dopo l’entrata in vigore della legge 28 luglio 2016 n.154 (cioè iscritte dal 25/08/2016) o che presentano domanda di iscrizione dalla data di approvazione della DGR fino al 22/02/2020 sono tenute a comunicare  al Registro delle imprese, entro il 22 febbraio 2020, il nominativo del soggetto in possesso dell’attestato di idoneità conseguito a seguito di frequenza dei corsi di qualificazione professionale previsti dall’art. 12 della l. 28 luglio 2016 n.154 o dei requisiti di esonero/esenzione del percorso formativo in presenza di una delle casistiche indicate dall’art. 11 della DGR n. 39-8764 (titolo di studio idoneo, iscrizione in ordini o collegi professionali agrari/forestali).

Durante il regime transitorio, le imprese che presentano domanda di iscrizione devono allegare alla Comunicazione unica apposita dichiarazione di impegno (file in formato pdf compilabile, 68 kB).

Le imprese già iscritte alla data di entrata in vigore della legge 28 luglio 2016 n.154 (e cioè iscritte al 25/08/2016), per essere esonerate dal percorso formativo devono dimostrare un’esperienza almeno biennale, maturata alla data del 22/02/2018,  attraverso specifica documentazione da presentare al Registro delle imprese.
La richiesta, corredata dalla relativa documentazione, deve essere presentata entro 24 mesi dalla data di stipula dell’accordoConferenza Stato-Regioni del 22/02/2018, cioè entro il 22 febbraio 2020 (salvi i casi di esonero/esenzione del percorso formativo indicati nell'art.11 della DGR n. 39-8764).

 

Imprese artigiane

Mail: 
artigianato@cn.camcom.it
Note: 

Orario:
Mattino, dal lunedì al venerdì: 9.00-12.00
Pomeriggio, il martedì e il giovedì: 14.30-15.30

Telefono: 
0171 318.813 -724 - 752
Valutazione: 
0
No votes yet
Ultima modifica: 16/05/2019 - 05:05

 
   
 
 
Sponsor della Cciaa di Cuneo: