Protocollo d'intesa per l'alternanza scuola-lavoro

È stato firmato l'8 luglio l’accordo quadro per la diffusione e l’implementazione di buone pratiche di alternanza scuola-lavoro tra Confindustria Cuneo, Camera di commercio di Cuneo ed ex Provveditorato agli Studi di Cuneo.

I percorsi di alternanza scuola-lavoro previsti dalla legge sulla “Buona Scuola” (n. 107/2015) nella Granda hanno già interessato nell’anno scolastico appena concluso quasi 5.000 studenti di terza superiore, ma entro il 2018 saranno quasi 15.000 i ragazzi degli ultimi tre anni delle scuole secondarie provinciali chiamati a svolgere in alternanza, 400 (istituti tecnici o professionali) o 200 (licei) ore di alternanza scuola-lavoro. Proprio l’entità dei numeri in ballo e dei soggetti coinvolti, sono stati tra gli elementi determinanti che hanno portato i tre soggetti firmatari a stabilire azioni pratiche comuni basate sulla collaborazione reciproca e a sancire un’alleanza affinché l’alternanza scuola-lavoro sia fruttuosa per le aziende e per gli studenti.

A livello operativo, il protocollo prevede innanzitutto che i tre enti promotori informino adeguatamente sui contenuti e sugli obiettivi il mondo scolastico e quello imprenditoriale, coinvolgendo docenti e imprenditori nell’attuazione del progetto. In particolare, Confindustria e Camera di commercio aprirannostudenti (anche in videoconferenza o streaming) convegni, seminari o incontri organizzati dai due enti su temi economici, tecnici e normativi, nel rispetto e in coerenza con gli specifici percorsi di studio.

È inoltre ormai imminente la piena operatività del Registro dell'alternanza scuola lavoro, affidato dal legislatore alle Camere di commercio, che potranno così adempiere al ruolo di promotore e facilitatore dei percorsi in alternanza per le migliaia di giovani coinvolti, agevolando i contatti e le convenzioni con le imprese e i professionisti del territorio.

 

Data articolo: 
Lunedì, 11 Luglio, 2016 - 16:15
Ultima modifica: 20/07/2016 - 04:07

 
Sponsor della Cciaa di Cuneo: