Registro dei produttori di pile e accumulatori

 

Con l'allegato n. 3 del decreto legislativo n. 188 del 20.11.2008 (file in formato pdf, 85 kB) presso il Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare è stato istituito il registro nazionale dei soggetti tenuti al finanziamento dei sistemi di gestione dei rifiuti di pile ed accumulatori.

 

Chiunque immetta sul mercato nazionale a titolo professionale pile o accumulatori, compresi quelli incorporati in apparecchi o veicoli, può immettere sul mercato tali prodotti solo a seguito di iscrizione nel registro, indipendentemente dalla tecnica di vendita utilizzata, pena una sanzione amministrativa pecuniaria da € 30.000,00 a 100.000,00.

Nell'allegato 3 del decreto legislativo 188/2008 è possibile consultare una tabella (file in formato pdf, 295 kB) che contiene un elenco esemplificativo di prodotti da iscrivere al registro.


ISCRIZIONE

A seguito dell'art. 23, comma 11 del D.L. 1° luglio 2009 n. 78 (c.d. "decreto anticrisi"), il termine per l'iscrizione, previsto inizialmente per il 18 giugno 2009, è stato fissato al 18 settembre 2009.

L'iscrizione si effettua presso la Camera di commercio nella cui provincia il produttore ha la propria sede legale, direttamente o tramite un soggetto delegato, dal portale www.impresa.gov.it o direttamente dal sito www.registropile.it tramite dispositivo di firma digitale (smart card con certificato di autenticazione, cns o cns aruba su token usb).

E' necessaria però l'adesione preventiva, da parte dei produttori, ad un sistema collettivo o individuale di gestione raccolta di pile ed accumulatori.

 

Gli importi da versare sono i seguenti:

  • tassa di concessione governativa di € 168,00 sul c/c/p n. 8003 intestato all'Agenzia delle Entrate - Ufficio Roma 2 - Centro operativo di Pescara;
  • imposta di bollo € 16,00 sul c/c/p n. 108126 intestato alla Camera di commercio di Cuneo, causale: iscrizione registro pile ed accumulatori (i possessori di Telemaco Pay possono versare questo importo anche on-line).

Effettuata l'iscrizione, il produttore potrà scaricarsi il numero di iscrizione che, entro 30 gg dalla data del rilascio, dovrà essere indicato su tutti i documenti di trasporto e nelle fatture commerciali.

 

Entro il 26 settembre 2009 i produttori di pile ed accumulatori sono tenuti ad istituire sistemi per attivare e garantire le operazioni di recupero, con i requisiti prescritti dall'allegato n. 2 del citato decreto.


Annualmente poi, entro il 31 marzo, i produttori comunicheranno alle Camere di commercio i dati relativi a pile ed accumulatori immessi sul mercato l'anno precedente.


N.B.: la mancata o incompleta comunicazione, all'atto dell'iscrizione o entro il 31 marzo di ogni anno successivo, da parte del produttore dei dati di immissione sul mercato relativi all'anno solare precedente, è punita con una sanzione amministrativa pecuniaria da € 2.000,00 a 20.000,00.




Per maggiori informazioni consultare:


Per assistenza:

Valutazione: 
0
No votes yet
Ultima modifica: 16/12/2015 - 05:12

 
Sponsor della Cciaa di Cuneo: